Posts Tagged ‘sito’

4+40=44

gennaio 16, 2010

Il sito della Circumvesuviana è semplice da navigare e permette in pochi istanti di consultare l’orario ferroviario. Solo che, a nostro modesto avviso, il sito non viene utilizzato dall’azienda in tutte le sue potenzialità, specie quando ci troviamo nell’ambito della comunicazione alla clientela. Insomma, si parla (su Internet) di un progetto denominato “4+40”, ad esempio qui ed esiste un pdf online (tutt’altro che ufficioso) in cui vi si fa cenno.

Ora: per quale ragione questo pdf, che ha l’ufficialità che può avere un comunicato stampa, non si trova sul sito della Circumvesuviana? E’ una iniziativa interessante, che ci ricorda anche un nostro vecchio post: perché gli utenti debbono venirne a conoscenza da canali diversi da quello di vesuviana.it?

Annunci

Nasce già vecchio il nuovo sito di EAVBUS

Mag 17, 2009

E già. Alla fine, la vecchia pagina che indicava che il sito era in costruzione è stata eliminata ed è stata sostituita da un intero sito web. Benissimo, direte voi utenti. Era meglio la scritta “in costruzione”, diremmo noi. Perché? Per almeno cinque o sei motivi, che andiamo brevemente ad elencare:

1. il sito non sembrerebbe frutto del lavoro di un gruppo di professionisti. Oltre ad essere basato su un CMS gratuito (e in questo non ci sarebbe nulla di male), non viene indicato chi (dipendenti? Azienda esterna?) abbia provveduto alla sua personalizzazione: si tratta di un lavoro casereccio? E può una azienda che vanta di avere 1223 dipendenti, 11 depositi, 506 veicoli e quant’altro avere come proprio sito un sito casereccio?

2. tra le news che si trovano nella sezione “In primo piano” spiccano notizie vecchie di mesi, che non sono più nemmeno valide: a chi può importare, ad esempio, che il Corso Garibaldi di Castellammare di Stabia sarà chiuso nel tratto compreso tra via Gaeta e Piazza Principe Umberto dalle ore 7.00 alle ore 16.00 del giorno 23/11/2008, se siamo a maggio dell’anno successivo? (*)

3. gli orari sembrerebbero cambiati nella grafica, ma sembrerebbero anche avere i vecchi errori che a suo tempo segnalammo e che nessuno ha provveduto a correggere: ad esempio, gli orari della circolare Torre Annunziata-Pompei “vivono” ancora nella terza pagina del PDF dedicato all’autobus Scafati-Napoli e sono per questo introvabili;

4. non sembrerebbe essere presente un comodo sistema che permetta tramite ricerca di trovare gli orari degli autobus (come quello presente sul sito della Circumvesuviana): di più, quello che viene fuori da una ricerca nel motore in basso a sinistra appare a volte piuttosto confuso;

5. mancano tuttora sezione importanti del sito, come quella relativa alla Carta della Mobilità e quella relativa ai Certificati di Qualità;

Insomma, molte sono le cose da migliorare, sebbene ci sia una sezione del sito che accende la speranza: quella in cui leggiamo “Eav Bus ritiene che la manifestazione di insoddisfazione sia un momento particolarmente importante nei rapporti tra azienda e cliente“. Speriamo! Magari, oltre a poter consultare un bel sito, il povero “impiegato delle 17.30” verrà ascoltato e gli verrà “donato” il passaggio di un autobus che fa il percorso inverso di quello che lo fa arrivare a destinazione alle 7.23 tutte le mattine, fermandosi sotto quella che, con rispetto parlando, viene comunemente chiamata “la Palla”.

(*) In queste ultime ore, questa notizia è sparita dallo “scroller”: naturalmente ne sono rimaste delle altre, vecchie quanto questa, come quella relativa al cambio di capolinea di un autobus in località Torre Annunziata, annuncio valido fino alla metà di dicembre dello scorso anno.

Il sito web della ANM: gli orari come la caccia al tesoro – parte I

luglio 25, 2008

Una parte degli accessi a questo blog è dovuta ad un certo numero di utenti (o potenziali utenti) dei mezzi di trasporto di Napoli e provincia che sono alla ricerca degli orari di autobus e treni (e, in misura minore, anche di altri mezzi). Ora, supponiamo che un utente di questi s’imbatta nel sito web della ANM, che vi invitiamo a visitare prima di aver letto la fine di questo post. Anzi, se ne avete voglia e se non avete mai visitato il sito in questione, possiamo fare un test: mettetevi nei panni di un utente che sta cercando -ad esempio- un autobus che vada da Fuorigrotta a Scampia, prendete un cronometro, fatelo partire e fermatelo solo quando avete trovato quello che stavate cercando.

ANM

La prima cosa in cui inciamperà il navigatore è una (non sappiamo quanto utile) animazione della durata di una decina di secondi. L’utente potenziale dei trasporti ANM che abbia scarsa esperienza di Internet e/o che non disponga di una conoscenza almeno di base della lingua inglese, difficilmente cliccherà sulla scritta skip intro (letteralmente “salta l’introduzione”) posta in basso a destra nella pagina. Piuttosto, attenderà che termini l’animazione e -con ogni probabilità- cliccherà in seguito, quando comparirà la (più efficace) scritta “Entra”. In ogni caso, il sito non è dotato di un meccanismo che conduca in automatico alla homepage dopo un certo numero di secondi (quindi, tirando le somme, o si clicca da qualche parte o non si entra).

Giunti alla pagina principale -forse contemporaneamente distratti da due sistemi distinti di news che “scrollano” (uno sopra l’altro) automaticamente- dovrete individuare nel menu che si trova a sinistra una voce utile tra una serie di voci non pertinenti: quella che vi interessa è la quarta voce (“le linee e i percorsi”), mentre siamo al secondo clic e saranno passati una ventina di secondi.

Il clic su “le linee e i percorsi” farà caricare una pagina in cui dovrete scegliere tra cinque opzioni: siete fortunati perché nel vostro caso si tratta della prima, ammesso che voi non siate un turista e sappiate che Fuorigrotta si trova a Napoli. Facciamo un forfetario e diciamo che vi trovate nel sito da 30 secondi, avete già cliccato (cioè, avete preso decisioni) almeno tre volte (se per sbaglio non avete cliccato altrove) e non avete ancora trovato l’orario che cercavate.

Non solo: non sapete nemmeno come siete arrivati dove siete arrivati perché non c’è nulla che lo segnali.