Posts Tagged ‘EAVBUS’

Petizione contro EAVBUS a Sant’Agnello

dicembre 11, 2010

Riportiamo quanto evidenziato da Salvatore Caputo sulle pagine web di Politica In Penisola, dove l’incresciosa situazione in cui EAVBUS ha lasciato la clientela ha fatto sì che quest’ulima passasse alle vie di fatto:

SANT’AGNELLO – Petizione contro il mal funzionamento dei servizi pubblici. E’ l’iniziativa presa dagli abitanti dei Colli di San Pietro e Colli di Fontanelle che esausti della linea a singhiozzi del trasporto pubblico della società EAVBUS, ha deciso di prendere carta e penna e scrivere un reclamo per un problema che affligge residenti dal 14 Settembre. Il servizio pubblico pare funzioni durante la settimana, ma è  interrotto nei giorni festivi. La  regolarità  è solo garantita da una prenotazione eseguita  il giorno prima alla  società EAVBUS con richiesta verbale o scritta, in caso contrario  il turno pomeridiano e serale è sospeso. La petizione che ha oramai raccolto centinaia di firma così recita: “I sottoscritti sono tutti utenti del servizio pubblico che hanno contratto abbonamento  con la società EAVBUS, relativamente al servizio effettuato prevalentemente in Penisola sorrentina. Purtroppo è dal 14 settembre 2010 che il servizio pubblico dei trasporti non funziona regolarmente. Tale disfunzione sembrerebbe determinata anche da rivendicazioni sindacali degli autisti, i quali si rifiutano di effettuare  lo straordinario per protesta contro l’azienda, che non retribuisce in maniera adeguata tale prestazione di lavoro secondo quanto dichiarato dai dipendenti. A seguito di tale fatto vengono a mancare interi turni di lavoro con la conseguente cancellazione delle corse degli autobus per ore della giornata, il tutto senza nessun preavviso dell’utente. Tale disagio è per tutta la Penisola sorrentina”. La petizione, inoltre continua ed è diretta anche dall’impiego di autobus di linea della società  EAVBUS definiti inadeguati, perpetuando continui disagi ai  pendolari. I disservizi derivano dall’insufficienza dei posti a sedere degli autobus rispetto alla quantità dei passeggeri e che obbliga ai passeggeri  delle frazioni collinari a non poter usufruire di un loro diritto. Un grande problema, inoltre , riguarda la linea Piano di Sorrento – Sant’Agata, infatti vi è un solo pullman che percorre tale tragitto con tre turni. “Quando viene soppresso un turno – continua la petizione – senza preavviso, non c’è più un collegamento per oltre cinque/sei ore. Tale situazione ovviamente crea notevoli e gravi disagi a tutti gli utenti, in particolare agli studenti ed ai lavoratori che restano per  strada anche nelle ore notturne senza la possibilità di usufruire di un servizio pubblico alternativo. Molti turni  serali sono saltati creando disagi ai viaggiatori e  per elencarne qualcuno si inizia dal 23- 24 settembre sino alla settimana scorsa”. Questa è l’unica linea che collega Colli di San Pietro e Colli di Fontanelle arrivando a Sant’Agata. Si tratta indubbiamente di un  disagio particolarmente scomodo che si ripete ogni giorno festivo perché il servizio,  previa prenotazione telefonica il giorno prima, non garantisce le corse. “Ritengo – commenta un abitante santanellese Francesco Sabbatinonon istituzionalmente corretto che una società che gestisce un servizio pubblico possa non prestare la giusta e doverosa attenzione verso le realtà locali presso cui le stesse effettuano un servizio. A riguardo si fa presente che il servizio di trasporto è pubblico ed in quanto tale deve essere assicurato ai passeggeri sette giorni su sette senza necessità di una richiesta preventiva, ma assicurare il servizio così come previsto nel D.M. Trasporti.  Noi viaggiatori – conclude Sabbatino – chiediamo rispetto perchè ogni mese paghiamo un abbonamento che in questo momento serve a poco per tutte le volte che si aspetta un pullman che non passa”.

Annunci

Autolinee Circumvesuviana > Eavbus

gennaio 2, 2010

Molti utenti raggiungono questo blog mentre cercano informazioni sugli orari. Di recente, moltissimi sono alla ricerca degli orari delle autolinee della Circumvesuviana, che prima si trovavano su vesuviana.it, mentre adesso dovrebbero trovarsi qui:

http://www.eavbus.it/opencms/eavbus/orari/ordinarie/index.html (paragrafo “Ex-Circumvesuviana”)

Su vesuviana.it trovate ancora (ovviamente) gli orari dei treni.

P.S.: se per caso cercate gli orari della Circolare Pompei-Torre Annunziata-Pompei sappiate che essi, come ai tempi della Circumvesuviana, si trovano sempre nella terza pagina PDF dello Scafati-Torre Del Greco-Napoli. E che vuoi fare… uno si affeziona…   😉

Altre 10 domande alla Circumvesuviana

settembre 20, 2009

1. Cosa fa Circumvesuviana o può fare contro il problema del sovraffollamento?

2. Su cosa si basa Circumvesuviana per contare il numero degli utenti a bordo di un treno?

3. Ha idea Circumvesuviana di quanti sono i viaggiatori che salgono in una certa stazione per prendere un treno in una certa direzione ad una certa ora?

4. Si è mai pensato di prendere accordi con EAVBUS per inviare autobus nelle ore di maggiore affollamento a supporto della clientela presso alcune importanti stazioni (Sorrento, Castellammare, Torre Annunziata, San Giorgio, Centro Direzionale, …)?

5. Cosa si voleva dimostrare con la sperimentazione del treno mattutino Sorrento-Napoli? E si è riusciti a dimostrarlo?

6. Con i nuovi treni, data la loro maggiore potenza, cambieranno anche gli orari?

7. Molti impiegati del Centro Direzionale escono da lavoro alle ore 17.30: per lei è ipotizzabile che (s’immagini d’estate e con un po’ di pancetta) riescano a raggiungere un treno che passa alle 17.34?

8. E’ ipotizzabile in futuro un treno direttissimo che alle 17.40 passi per il Centro Direzionale e si diriga a Sorrento?

9. I treni vecchi saranno mai dotati di condizionatori d’aria e di finestrini (o altro dispositivo) che assicurino un migliore ricambio di aria?

10. A cosa è dovuto il fenomeno, sperimentato da qualche utente, del treno che arriva più “corto”? Mancano le carrozze?

Nasce già vecchio il nuovo sito di EAVBUS

maggio 17, 2009

E già. Alla fine, la vecchia pagina che indicava che il sito era in costruzione è stata eliminata ed è stata sostituita da un intero sito web. Benissimo, direte voi utenti. Era meglio la scritta “in costruzione”, diremmo noi. Perché? Per almeno cinque o sei motivi, che andiamo brevemente ad elencare:

1. il sito non sembrerebbe frutto del lavoro di un gruppo di professionisti. Oltre ad essere basato su un CMS gratuito (e in questo non ci sarebbe nulla di male), non viene indicato chi (dipendenti? Azienda esterna?) abbia provveduto alla sua personalizzazione: si tratta di un lavoro casereccio? E può una azienda che vanta di avere 1223 dipendenti, 11 depositi, 506 veicoli e quant’altro avere come proprio sito un sito casereccio?

2. tra le news che si trovano nella sezione “In primo piano” spiccano notizie vecchie di mesi, che non sono più nemmeno valide: a chi può importare, ad esempio, che il Corso Garibaldi di Castellammare di Stabia sarà chiuso nel tratto compreso tra via Gaeta e Piazza Principe Umberto dalle ore 7.00 alle ore 16.00 del giorno 23/11/2008, se siamo a maggio dell’anno successivo? (*)

3. gli orari sembrerebbero cambiati nella grafica, ma sembrerebbero anche avere i vecchi errori che a suo tempo segnalammo e che nessuno ha provveduto a correggere: ad esempio, gli orari della circolare Torre Annunziata-Pompei “vivono” ancora nella terza pagina del PDF dedicato all’autobus Scafati-Napoli e sono per questo introvabili;

4. non sembrerebbe essere presente un comodo sistema che permetta tramite ricerca di trovare gli orari degli autobus (come quello presente sul sito della Circumvesuviana): di più, quello che viene fuori da una ricerca nel motore in basso a sinistra appare a volte piuttosto confuso;

5. mancano tuttora sezione importanti del sito, come quella relativa alla Carta della Mobilità e quella relativa ai Certificati di Qualità;

Insomma, molte sono le cose da migliorare, sebbene ci sia una sezione del sito che accende la speranza: quella in cui leggiamo “Eav Bus ritiene che la manifestazione di insoddisfazione sia un momento particolarmente importante nei rapporti tra azienda e cliente“. Speriamo! Magari, oltre a poter consultare un bel sito, il povero “impiegato delle 17.30” verrà ascoltato e gli verrà “donato” il passaggio di un autobus che fa il percorso inverso di quello che lo fa arrivare a destinazione alle 7.23 tutte le mattine, fermandosi sotto quella che, con rispetto parlando, viene comunemente chiamata “la Palla”.

(*) In queste ultime ore, questa notizia è sparita dallo “scroller”: naturalmente ne sono rimaste delle altre, vecchie quanto questa, come quella relativa al cambio di capolinea di un autobus in località Torre Annunziata, annuncio valido fino alla metà di dicembre dello scorso anno.

Ennio, mission is possible!

ottobre 19, 2008

Claudio Velardi, assessore della Regione Campania, ha un blog. Scrive spesso e dice cose che possono essere condivise e possono non esserlo, come in tutte le democrazie che si rispettino. Inoltre, permette che il proprio pensiero venga commentato anche da chi non è d’accordo con quello che dice (immaginiamo nei limiti della decenza, si tratta pur sempre di un blog moderato). Specifichiamo di essere soltanto degli utenti dei trasporti campani e non degli amici di Velardi o un gruppo di tifosi di questa o quella corrente politica.

Vorremmo suggerire a chi si occupa di Trasporti di fare lo stesso, di comunicare meglio, di specificare alla gente cosa si intende fare, di aprire la propria agenda: non può essere messa una distanza tra chi progetta il trasporto e chi ne usufruisce quotidianamente. L’utente, per il quale dovrebbe essere pensato il servizio, non può accontentarsi di sapere che ci sono opere mastodontiche in corso di realizzazione. Queste sono informazioni che possono interessare quel gruppo di appassionati che per proprio diletto riprende con il cellulare il passaggio di un nuovo treno della Circumvesuviana e lo mette online, come si trattasse di un raro animale da immortalare in un safari fotografico.

Gli utenti “veri”, quelli che non guardano al trasporto su rotaia come da piccoli potevamo guardare i Trenini Lima, vogliono sapere quando si starà meno stretti e più sicuri. Quando i treni arriveranno in orario. Quando si smetterà di imbrattare i vagoni con scritte orribili e quando verranno prese contromisure. Quando, ad esempio, ci si chiederà se i trasporti da-e-per il Centro Direzionale siano sufficienti. Quando saranno scritti meglio gli orari pubblicati online. Quando sarà disponibile il sito web di EAVBUS. E così via.

Agli utenti oggi non basta più un sito come questo, né bastano, evidentemente, le risposte delle singole compagnie dei trasporti, che magari neanche arrivano. La gente comune va fatta partecipare, deve poter dire la propria, si deve partire anche dall’analisi di quelli che possono sembrare piccoli problemi quotidiani per arrivare a delle soluzioni che incontrino l’approvazione di chi i trasporti li utilizza, a volte non per la qualità del servizio ma semplicemente perché obbligato. Al di là di ogni polemica.

UPDATE: neanche a farlo apposta, DOPO aver scritto questo post abbiamo rinvenuto su GalassiaReti, sito collegato all’attività di Velardi, questo brano dello stesso Velardi: “Da una parte c’è il sistema: istituzioni lente, la politica distante, i media che si parlano addosso. Dall’altra c’è la società: le imprese che vogliono crescere, le associazioni e i gruppi di interesse, i cittadini spaesati. Due mondi, due centri di attrazione gravitazionale che si allontanano progressivamente. Realtà che non si conoscono, non si incontrano, spesso non si piacciono. Reti esiste per avvicinare questi mondi lontani e farli interagire. Con le armi della conoscenza, della comprensione, del dialogo.”

Chissà che al Velardi-mediatore non riesca la magia (forse banale) di far passare un autobus Napoli-Scafati (ma anche Napoli-Salerno o Napoli-Castellammare) per il Centro Direzionale alle ore 17.40 (come già accade inspiegabilmente alle 15.51).

EAVBUS e gli orari invernali

settembre 14, 2008

Estraiamo dalla sezione “Avvisi” del sito della Circumvesuviana questo annuncio relativo alla variazione degli orari:

Si informa la gentile clientela che, a partire dal giorno 15.09 p.v. sarà attuato il Programma di Esercizio “invernale” Autolinee, (…). La clientela interessata è invitata a prendere visione degli orari modificati affissi nelle bacheche delle principali località e sulle paline di fermata.

Cioè, nel 2008 l’utente si reca sul sito web e viene rimandato alle paline e alle bacheche? Non sarebbe più normale modificare (in molti sensi) gli orari che attualmente si trovano nella sezione del sito web dedicata? Ad esempio, come ci è finito l’orario della Circolare Pompei-Torre Annunziata-Pompei nella terza pagina del pdf dedicato all’autobus Napoli-Scafati?