Ogni scusa è buona

maggio 25, 2011

Davvero. Ogni sciopero è buono per occupare la Circumvesuviana. L’abbiamo già detto varie volte: questo genere di occupazioni non fa che aumentare i disagi di altri lavoratori, provocando danni ad altri poveri e peggiorando un servizio che peggio di come è ridotto non si può. Cioè, appunto, lo si può bloccare…

Niente contro i lavoratori di Castellammare, che certamente avranno le loro ragioni per protestare, ma in Circum non ci vanno di certo i responsabili della crisi!

Annunci

It’s getting better all the time – le prime reazioni

maggio 22, 2011

http://www.metropolisweb.it/Notizie/Cronaca/sicurezza_circum_sindacati_stato_agitazione.aspx

Giustamente ci mancavano i “blocchi a scacchiera”… e già, perché un servizio che funziona già male (tanto male che i dipendenti dell’azienda arrivano a scusarsene), che viaggia stracarico, in ritardo e che è bersaglio dei “giochi” di quattro deficienti ha bisogno anche di ulteriori blocchi…

Cari sindacati, ma all’utente chi ci pensa?

Piccoli devastatori crescono – seconda parte

maggio 21, 2011

http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo1010145.shtml

Piccoli devastatori crescono

maggio 18, 2011

http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=149347&sez=NAPOLI

Vetrella e il fallimento dei trasporti campani

aprile 29, 2011

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/04/27/news/trasporti_aumentano_ma_rischio_fallimento_parla_l_assessore_vetrella-15404768/

Le “scuse” dei lavoratori di Circumvesuviana ai viaggiatori

aprile 21, 2011

Documento insieme insolito e straordinario quello pubblicato da Circumvesuvianando nella giornata di ieri. Lo riportiamo per intero (il grassetto è nostro) e rimandiamo alla pagina web in cui è contenuto:

I lavoratori della Circumvesuviana chiedono scusa per colpe non loro.
Chiedono scusa per i treni che vengono soppressi.
Chiedono scusa per quelli che vi costringono a viaggiare come sardine.
Chiedono scusa per i ritardi che vi fanno arrivare tardi al lavoro o a scuola.Le colpe non sono nostre.

Le colpe sono delle scelte politiche che tolgono risorse economiche al trasporto pubblico locale, con tagli che non permettono l’acquisto di materiale di ricambio per la manutenzione ai treni; infatti più della metà sono fermi in officina.

La nuova amministrazione regionale, ha decurtato di 90 milioni di euro i fondi del trasporto regionale; tali tagli graveranno sulle aziende di trasporto su ferro per ben oltre il 15% obbligando le aziende a tagliare i servizi. Questi tagli costringeranno la Circumvesuviana, al pari delle altre aziende di trasporto, ad eliminare molte corse giornaliere.

La Regione Campania, nel mentre toglie risorse alle aziende e costringe le stesse a ridurre i servizi, ha stabilito un aumento generalizzato del prezzo del biglietto, della serie più paghi e meno viaggi.

Chiediamo a tutti di far sentire la propria voce alla Regione Campania, attraverso l’indirizzo e-mail indicato in calce, per far capire che il trasporto è una risorsa su cui investire e non uno spreco da tagliare.

ass.vetrella@regione.campania.it

Ancora sui pedaggi della A3 Napoli-Salerno

aprile 14, 2011

L’onorevole Iannuzzi non demorde

Circumvesuviana e la beffa di essere abbonati

marzo 21, 2011

Queste le ultime (secondo noi gravissime) notizie che riguardano Circumvesuviana, uno dei servizi di trasporto più importanti in Italia e nel Sud:

1. Oggetto contro un treno con ferimento di un passeggero;
2. Mancano le ruote ai treni e gli stessi treni vengono accorciati;
3. “Superman” blocca la Circumvesuviana;
4. Soppresse 30 corse negli orari di punta con conseguenti ritardi e sovraffollamento;
5. … (mettetecela voi, la troverete sicuramente…)

Capiamo perfettamente che ci sono al mondo notizie più gravi, che magari arrivano dall’estero, come lo tsunami in Giappone o la crisi libica. Però sono anni che migliaia di viaggiatori patiscono questa situazione da terzo mondo quotidianamente e non sanno più come arrivare al lavoro (accumulando ritardi e frustrazione). Il bello è che non si parla di autobus sostitutivi (ce ne vorrebbero, e tanti): il viaggiatore s’attacca al tram, anzi nemmeno a quello, o alla sua automobile, a patto che ce l’abbia e abbia soldi da spendere in benzina e in pedaggio (aumentato).

Più che altro, la cosa buona è che (finalmente) non lo diciamo solo noi.

Le nuove tariffe della A3, prime reazioni

gennaio 5, 2011
  1. http://www.metropolisweb.it/Notizie/Cronaca/autostrade_iannuzzi_vaccaro_ridurre_pedaggio.aspx
  2. http://lacittadisalerno.gelocal.it/dettaglio/pedaggio-autostradale-il-governo-blocchi-i-rincari/3103017
  3. http://www.positanonews.it/articoli/49727/salerno_napoli_autostrada_arriva_a_2_euro_aumentano_le_proteste.html
  4. http://www.lunaset.it/politica-napoli/cronaca-napoli/34754-autostrade-iannuzzi-vaccaro-ridurre-i-pedaggi-sulla-napoli-salerno.html

Le nuove tariffe della A3

dicembre 31, 2010

Siamo certi che le nuove tariffe susciteranno ben presto polemiche ed osservazioni da parte degli utenti del servizio. Una osservazione tra le varie possibili: Napoli-Torre Annunziata Nord costa ben 20 centesimi in meno di Napoli-Torre Annunziata Sud. Ora, un cittadino di Torre Annunziata Sud che voglia recarsi a Napoli per lavoro spenderà più del concittadino di Torre Annunziata Nord, per l’esattezza 40 centesimi al giorno, 2 euro in una settimana lavorativa, più di 8 euro al mese (e oltre 80 euro all’anno). Al cittadino di Torre Annunziata Sud non converrà utilizzare il casello di Torre Annunziata Nord, risparmiando i soldi per il caffè?